Guida: Come fare SEO?

0

Una guida SEO passo per passo!

Sicuramente avete letto molto di SEO su internet, anche io, e la cosa più probabile è che tu ti sia imbattuto con migliaia di articoli che parlano di singole cose che puoi fare per migliorare le tuo posizioni nei motori di ricerca. Per questo motivo ho deciso di proporvi un articolo che ho trovato su internet dove sono elencati tutti i passi per fare SEO. 71 passi essenziali che non possono mancare nella tua strategia di posizionamento.

Premessa:

Per fare SEO non devi per forza essere un esperto programmatore o avere una conoscenza avanzata in HTML. Questo levatelo dalla testa. Si, è vero che forse ti può aiutare molto, ma non è indispensabile, se usi WordPress come CMS esistono plugin che fanno praticamente di tutto, Per questo vi proporremmo diversi strumenti che potrai usare per fare un Buon SEO.

Prima di iniziare

1. Scegli bene le tue Keyword: scegli bene come vuoi che la gente ti trovi su internet. Più precisamente con quali parole vuoi apparire. Per definire questo puoi usare Google Trends per definire la viralità della keyword.

2. Verifica la quantità di ricerche: Ovviamente quello che cerchi è avere visite. Se nessuno cerca la Keyword che hai scelto nessuno arriverà al tuo sito. Per verificare quanto determinate Keyword sono state cercate puoi usare Il pianificatore di parole chiave, che offre una quantità approssimativa di ricerche e la concorrenza che cè su un determinata parola chiave.

3. Misura la densità delle parole: Analizza la tua pagina e scopri quali parole stai usando di più. Usa questo strumento di Internet Ninja. Ricorda di non abusare nel ripetere la Keyword scelta perché puoi incorrere a penalizzazioni  per Keyword Stuffing.

4. Usa le Keyword: Usa nel tuo testo la parola che vuoi posizionare, usando la stessa e sinonimi della stessa. Devi sapere inoltre che le prime 200 parole di un testo sono le più importanti, per tanto fai in modo che il la tua Keyword sia presente nel primo paragrafo.

5. Keyword nei titoli e in grassetto: se puoi usare la tua keyword su titoli e in grassetto FALLO! ti aiuterà molto. Questo perché Google saprà meglio di cosa stai parlando e ti premierà con laumento delle posizioni.

6. Misura e analizza la tua posizione per le diverse Keyword: puoi verificare la tua posizione su Google utilizzando CuteRank, un programmino che analizza le tue posizioni dipendendo dalla keyword inserita. Potrai fare anche dei report storici per vedere landamento.

Configurazione del Sito secondo il manuale SEO

7. MetaDescription e Title: Definisci per ogni pagina del tuo sito una Descrizione e un titolo nelle etichette  <meta> di ogni <head>. Questi saranno il titolo e la descrizione che Google userà per mostrare il tuo sito nei risultati di ricerca. Dunque è importante essere persuasivi in ciò che si scrive. (Titolo Massimo: 70 caratteri. Descrizione massima: 156 caratteri). Nel caso usi WordPress puoi usare All in One SEO Pack o SEO by Yoast.

8. Modifica le URL e rendile più amichevoli: Utilizza un sistema di scrittura URL che sia come i titoli usati. NellURL puoi anche inserire la tua Keyword. Se usi WordPress puoi attivare nella sezione Impostazioni/permalink la scrittura delle URL personalizzata così che lURL sia riscritto ogni volta per ogni articolo.

9. Creazione e invio della Sitemap:  i Sitemap aiutano ai motori di ricerca a registrare il tuo sito e tenerlo immagazzinato nella cache. Google e Bing hanno diverse forme per reperire questo file, la cosa migliore e farla manualmente. In ogni caso, per creare la tua Sitemap Puoi usare: XML Sitemap Generator.

10. Automatizza linvio della Sitemap: siccome la sitemap deve essere aggiornata ogni volta che cè qualche cambiamento, la miglior forma per farlo è usare un Plugin per WordPress. Google XML Sitemaps.

11. Trascrivi il tuoi contenuti audiovisuali: i file in Flash non sono ben visti da Google perché non riescono a capire di cosa si tratta, per questo motivo puoi trascrivere i tuoi video, se hai lo spazio, per  far capire ai motori di ricerca di cosa vuoi parlare.

12.Il Favicon: il favicon è un piccolo logo che appare come simbolo nella scheda del browser e identifica il tuo sito. Puoi creare il tuo e caricarlo nel tuo template.

13. Evita luso di Cookies: per problemi con la privacy e richieste non necessarie.

14. Utilizza il rel=author:  Fai in modo che Google sappia che tu hai scritto larticolo, lui ti premierà mostrando la tua foto di Google Plus tra i risultati di ricerca e tu guadagnerai maggior visibilità.

Le immagini e il posizionamento nei motori di ricerca

15. Titolo e descrizione: Includi in tutte le tue immagini le etichette Alt= e Title= . Questo servirà a far capire ai motori di ricerca che cosa contengono le vostre foto, in questa maniera possono inserirle su Google Images.

16. Specifica la grandezza: Specifica sempre la grandezza delle tue immagini usando etichette HTML come width e heigh, questo perché al momento di caricare limmagine è probabile che la pagina intera si veda deformata perché il browser non sa esattamente la misura che avrà. Definendo la grandezza la tua pagina non perderà forma e gli usari e Google saranno contenti.

17. Non scalare le immagini con HTML: definisci la dimensione delle immagini per ogni articolo e caricale di quella grandezza. Anche se la scali con HTML il browser caricherà lintera immagine, in dimensione originale, questo può rallentare di molto il caricamento della pagina.

18. Ottimizza le immagini per il Web: Non è necessario avere una qualità di immagini eccezionale per il web. Si può usare una qualità media senza che nessuno se ne renda conto. La tua pagina deve essere rapida a caricare se le immagini che usi sono troppo pesanti allora avrai dei problemi. Puoi ottimizzare le immagini con Fireworks o se usi wordpress con Smush it.

19. Combina immagini usando CSS sprites: se la tua pagina usa molte icone piccoline è raccomandabile usare una sola immagine e linkarle con i CSS sprites.

Cura i link per un buon posizionamento web

20. Anchor text diversificati: Le anchor text sono le parole dalle quali ti linkano da altre web. Quello che devi fare è rendere questi link il più descrittivi possibili, e cosa MOLTO IMPORTANTE queste anchor text devono essere diverse tra di loro, usa dei sinonimi, delle frasi, insomma, abbi fantasia :D.

21. Controlla i link rotti: Google ti odierà se fai visitare ai tuoi usuari dei siti che non funzionano. Devi evitare assolutamente linkare siti che non funzionano, fatti labitudine di controllare periodicamente tutti i link in cerca di qualche cosa che non va. Sicuramente ti potrà servire questo strumento: Backlink Anchor Text Analysis

22. Evita i redirect:  sia dentro il tuo sito che al momento di linkare un altro, linka sempre il sito finale dove porta il redirect. Lo strumento che vi ho dato nel punto 21 vi servirà a scoprire quali siti devi modificare.

23. Automatizza la ricerca dei link rotti: Se state usando Wordpess potete usare Broken Link Checker, questo strumento fa delle scansioni periodiche e vi manda una email ogni volta che trova qualcosa che non va tra i tuoi link.

24. Conosci il tuo PageRank: il Page Rank è il valore che Google da 1 a 10  a ogni singola pagina del tuo sito. Controlla sempre levoluzione  del tuo PR, puoi usare lo strumento http://www.prchecker.info.

25. Non linkare siti dai contenuti illegali o contenenti Malware: Google penalizza le pagine che linkano siti con virus o che siano stati dichiarati pirata.

26. Cerca da dove la tua concorrenza viene linkata: impara dalla strategia che usano i tuoi concorrenti e vedrai che potrai migliorare la tua di strategia. Potrai trovare diverse maniere di trovare link e migliorare il posizionamento.

27. Usa link interni: cerca di linkare altri articoli della tua pagina, ma cerca di farlo in maniera naturale, nella maniera meno forzata possibile. Fatti labitudine di linkare altri articoli da te scritti.

Evita il contenuto duplicato

28. Testi originali!: devi comprovare che tutti i tuoi testi sono originali. Se non lo fai tu il primo che se ne renderà conto è Google e ti darà un punteggio negativo. Puoi usare Copyscape per verificare i testi.

29. No-index ai contenuti duplicati: potete impostare letichetta no-index nelle pagine che si ripetono come le categorie, archivi e tag. Se usate WordPress con All in One SEO Pack potete configurarlo in maniera semplice.

30. Pagina iniziale con solo anteprime: non includete il testo completo dei vostri articoli nel Home del vostro Blog, mostrate solo una parte di esso e un link che rimanda allarticolo. SE non fate questo Google rileverà che cè del testo duplicato sul sito e per tanto perisce di esclusività.

31. Descrizione e titolo senza copie: Molto importante è anche evitare i titoli e le descrizioni uguali per due articoli diversi. Questo può causare dei conflitti e non permette al motore di ricerca di indicizzare bene il tuo sito o blog.

32. URL Canoniche: verifica che il tuo indirizzo web sia canonica, cioè http://angologeek.com e http://www.angologeek.com vadano allo stesso sito.

33. Uno stesso design per web e mobile: è preferibile usare un design responsive che permetta avere lo stesso stile sia per computer che per dispositivi mobili. Se avete due versioni diverse i motori di ricerca troveranno dei testi duplicati e avranno due copie del tuo sito, cosa che si deve evitare assolutamente.

Guida su come posizionare il tuo sito web

34. Crea articoli divertenti e originali: fai in modo che il lettore stia il più tempo possibile sul tuo sito. Google tiene conto del tempo che un usuario passa nel tuo sito. Studia al minimo dettaglio il tasso di rimbalzo e i tempi di permanenza dei tuoi lettori. Puoi correggere degli errori che possono essere cruciali per catturare un cliente, daltra parte se tu fai felice i clienti Google ti premierà con una migliore posizione.

35. Testi lunghi: se il tuo sito ha solo 4 paragrafi di testo molto scarsi, non durerà più di 30 40 secondi sul tuo sito. Cerca di scrivere degli articoli più ambiziosi, con più corpo. Senza eccedere però ricorda che la velocità di caricamento è molto importante.

36. Abbi cura dei visitanti da dispositivi mobili: Le visite da cellulari o tablet sono parte importante delle statistiche della maggior parte dei siti web. Devi dunque curare laspetto mobile del tuo sito adattando un template responsive o in caso contrario un template alternativo adatto per dispositivi mobili.

37. Pubblica periodicamente: ai Motori di ricerca piace che il tuo sito sia sempre aggiornato e vivo. Cerca di pubblicare qualcosina almeno una volta settimana, così sarai catalogato come una fonte attiva di informazioni. Se il tuo sito è statico cerca di adattarlo a un blog, così che tu possa aggiornalo con più frequenza puoi anche creare diverse Landing Pages per attrarre sul sito altri tipi di ricerche dai motori di ricerca.

38. Partecipa e parla con la tua comunità: E la miglior maniera per far si che le persone parlino di te. Aiuta le persone e risolvi i suoi dubbi tramite i commenti. Interagisci con la comunità che si interessai ai tuoi articoli.

39. Crea un protocollo dopo la pubblicazione di ogni articolo: Dopo aver pubblicato un articolo esegui sempre un protocollo di azioni che perfezionerai con il tempo. Questo protocollo impiegherà non più di 20 minuti del tuo tempo ed è molto importante farlo dopo aver pubblicato ogni articolo. Ad esempio potrete pubblicare su Twitter, Facebook, Pinterest, G+, Linkedin, Forum dove siete membri, commentari articoli relazionati, directory, aggregatori, ecc. Tutto questo lavoro è ottimo per trovare i vostri primi link entranti e generare una presenza sulle reti sociali. Ricorda che i tuoi articoli sono sempre più visibili sui motori di ricerca i primi 4 giorni, dunque questa prima spinta iniziale è molto utile e aiuterà ad aumentare le visite.

40. Guest Blogging: Scrivi qualche articolo su altri Blog come invitato. Ti potrai far conoscere su altri siti e in più guadagnerai dei link di qualità verso il tuo sito. Molti blog, come questo, accettano questo tipo di scambio. Per esempio, se scrivi su tecnologia  puoi mandarmi il tuo articolo e io lo pubblicherò volentieri.

41. Offri qualcosa di valore: prepara e offri un qualcosa che tu possa offrire su un Landing Page, così che altri possano parlare di questo, può essere un audiolibro, qualche documento PDF che spiega come fare qualcosa, vedi tu. E una buona idea combinare lidea con strumenti come Pay with a Tweet oppure Mailchimp.

42. Landing Pages: Fai un lavoro SEO indipendente per le diverse Landing Page, facendo così potrai posizionare meglio il tuo sito su diverse keyword che potrai sfruttare per attaccare da diversi lati la tua nicchia di mercato.

43. Bada al lettore: Ad esempio, elimina quella pubblicità non necessaria che non sta generando assolutamente niente di denaro. Risparmierai tempo ti caricamento e migliorerà l’usabilità del tuo sito web.

Per fare seo: Evita le penalizzazione da parte di Google

44. Non proporre Keyword fuori dal contesto: Non utilizzare la tecnica di usare parole chiavi massivamente nel testo senza alcun senso, solo per aumentare la densità di backlink o ricevere più visite.

45. Non usare testo nascosto: Google penalizza fortemente a chi scrive dei testi nascosti per far apparire il suo sito completo mentre non lo è. Evita il testo dietro le immagini, dietro i video, dietro qualche div colorato, ecc.

46. Evita errori di codice: I motori di ricerca preferiscono quelle pagine che hanno un codice che compie con gli standard e non hanno errori. Per verificare che il tuo sito compie con i requisiti puoi usare lo strumento http://validator.w3.org/

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.