Consigli per Adsense: Come aumentare i guadagni?

0

guadagni adsenseL’avvento della crisi economica  a livello mondiale riflette i suoi negativi effetti in tutti i settori economici del pianeta, ed anche il web non è da meno, sono molte le persone che si lamentano del notevole decremento degli introiti tramite Google AdSense. Su questo anche la dichiarazione di un importante esponente di Google del 4 Marzo 2009 lascia capire frà le righe, che nel prossimo futuro i guadagni dei publisher saranno piuttosto magri.

Intanto se vuoi più dettagli vai all’articolo: Come fare soldi con Adsense.

Molti reagiscono con la rabbia mentre altri, come me, preferiscono rimboccarsi le maniche e cercare di non sprofondare. Ancora il mondo non è finito e le possibilità di ottenere buoni ricavi esistono ancora, anche perchènon esiste una piattaforma di advertising migliore di AdSense.

Grazie alle 4 strategie che ti mostrerò in questo articolo potrai aumentare realmente i tuoi guadagni di AdSense. Ti dico subito che non si tratta dei soliti consigli ripresi da altri siti, non mi piacciono le minestre riscaldate, ed inoltre queste tecniche le ho sperimentate io stesso, e con me hanno funzionato.

QUALI SONO I FORMATI CHE RENDONO DI PIÙ?

Per rispondere a questa domanda ti invito a leggere questo articolo: Annunci Adsense che pagano meglio?

QUALI SONO LE MIGLIORI POSIZIONI O PAGINE PER INSERIRE I BANNER DI ADSENSE?

Google stesso all’interno della sua guida fornisce informazioni molto utili e precise su quali siano le sezioni più redditizie per porre in evidenza i banner, senza che questi risultino però fastidiosi agli utenti ed alla navigazione. Ricorda sempre che devi mettere la qualità ed i contenuti del sito in primo luogo, poichè una pagina studiata solo per valorizzare la pubblicità da una impressione molto negativa ai visitatori.

Un aspetto che molti sotto-valutano sono le pagine interne a basso CTR. Posizionando i banner in punti che permettono di visualizzarli in tutte le pagine può rivelarsi molto utile, ma anche dannoso. Pensa ad esempio alle pagine che contengono form di contatto o la sitemap in formtao HTML. Difficilmente produranno dei click, poichè chi và in quelle pagine lo fà per compiere una azione ben precisa, e probabilmente non farà nemmeno caso ai tuoi banner.

Questo ti abbasserà il CTR e aumenta le probabilità che tu venga colpito da Smart Pricing, in quanto gli annunci generati avranno con tutta probabilità una bassa attinenza ed interesse nei tuoi visitatori. Se puoi evita di mostrare AdSense in queste pagine “di servizio” e prive di contenuti interessanti e tematici.

CAPIRE QUALI SONO GLI INSERZIONISTI CHE PAGANO DI PIÙ

Capire quali sono all’interno di un banner di AdSense i link che pagano di più, può fare veramente la differenza trà percepire qualche dollare che ripaghi almeno le spese dell’hosting, e guadagnare in maniera più sostanziosa. Questo a vantaggio sia di chi fà molte visite ed impressions, sia per chi ancora è all’inizio e non riceve molto traffico.

Google giustamente non ha mai dichiarato come si possa capire quali annunci pagano di più, il motivo è presto detto. Se tutti i publisher sapessero quali inserzionisti pagano bene, tutti gli altri verrebbero esclusi e di fatto, estromessi dall’essere visualizzati. E se non ci sono abbastanza inserzionisti diminuisce il ventaglio di proposte pubblicitarie, e AdSense perde uno dei suoi maggiori punti di forza.

MOSTRARE SOLO LA PUBBLICITÀ CHE PAGA DI PIÙ

Dopo aver capito come individuare gli annunci più remunerativi è necessario escludere quelli che hanno una rendita bassa, per evitare click da 0,01€ ma anche quelli da 0,05€. Per fare ciò leggi questo post: Visualizzare solo gli inserzionisti che pagano di più

Ti ricordo che queste tecniche le ho provate io stesso e non portano assolutamente al ban da parte di AdSense, poichè vengono utilizzati solo gli strumenti messi a disposizione dell’utente da Google stesso. Non dovrai utilizzare nessun programma o script esterno, niente trucchi o macumbe.

Ti è richiesto solo un pò di impegno poichè dovrai seguire con più costanza e attenzione il tuo account poichè se lo lasci a sè stesso produrrà rendite molto basse. Ovviamente questo dipende da quanto vuoi realmente aumentare i tuoi guadagni con AdSense.

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.