Come Fare SEO

0

fare seoIl SEO è un’attività importante per qualunque business online poiché ti permette di avere traffico gratuito da Google, ma è importante sottolineare che non è una pratica semplice e bisogna studiare molti concetti. Qui di seguito ecco una guida su alcune linee base dell’argomento, puoi approfondire altri aspetti dalla SEO ai seguenti articoli:

Vediamo cosa è la SEO e quali sono le cose principali da sapere per iniziare ad ottimizzare il nostro sito per i motori di ricerca.

Cosa sono le SERP?
Le SERP sono le pagine dei risultati della ricerca che avete effettuato sul vostro motore di ricerca preferito.
In Italia il motore di ricerca di gran lunga più utilizzatoè Google. Quindi scalare le SERP per noi Italiani vuol dire farsi trovare nelle prime posizioni delle ricerche su Google per determinate parole (keywords).

Come fare SEO scalando le  SERP di Google?
Dovete iniziare a pensare come un motore di ricerca? Per fortuna no.
Per scalare le SERP ci viene in aiuto il SEO, Search Engine Optimization, cioè tutto quell’insieme di tecniche utili per ottimizzare le pagine del sito per i motori di ricerca e che nascono dai consigli che Google stesso dà su come fare in modo di ottimizzare il posizionamento di un sito.

Uno degli strumenti indispensabili per chi vuole ottimizzare il suo sito sono infatti gli strumenti per webmaster di Google, che ci fornisce chiare indicazioni su quegli aspetti del sito da curare perchè il sito sia posizionato bene nelle SERP.

Questo post non vuole essere una guida a Strumenti per i webmaster di Google, visto che Google stesso fornisce una ottima guida in appoggio agli strumenti.

Vorrei comunque sottolineare alcuni aspetti fondamentali evidenziati nelle sezioni degli strumenti per webmaster:

1. inserimento della sitemap del sito, in modo che tutte le pagine del sito vengano indicizzate;
2. controllare se ci sono errori di scansione del sito;
3. controllare nella sezione dedicata alle parole chiave se ci sono parole che potrebbero far bannare il sito, per esempio nei commenti, se non sono moderati
4. controllare sempre nella stessa sezione se invece mancano parole chiave per le quali vorreste essere presenti nelle SERP.
5. controllare i link in entrata al vostro sito
6. controllare le principali query di ricerca che portano al vostro sito

Google stesso ci dà dunque delle indicazioni su quello che lui ritiene importante perchè un sito sia visibile nei risultati delle ricerche sui motori di ricerca.
Il consiglio che dò è dunque di acquisire una ottima conoscenza  dell’uso di questi strumenti, altrimenti è inutile lanciarsi in ottimizzazioni spinte del sito o del blog, con tecniche SEO più sofisticate.

Le basi SEO delle parole chiavi

Il traffico che porterà maggiori guadagni al vostro sito è il cosidetto traffico organico, quello cioè che proviene dai motori di ricerca come google, bing e yahoo. Perchè?
Perchè i visitatori per raggiungere il vostro sito hanno dovuto compiere prima una ricerca, questo significa che sono interessati ad un prodotto, sia esso un bene materiale, un servizio o pura informazione.
E il vostro sito è quello che dà loro la risposta, la soluzione alla loro ricerca.

Come si fa ad aumentare il traffico organico su Google?

Il primo passo è di fare una analisi delle parole chiave per cui volete posizionarvi nelle SERP, cioè nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca.
Una volta scelte le parole chiave bisogna inserirle opportunamente nei punti della pagina che sono considerati più importanti dal punto di vista dei motori di ricerca:

  1. title tag, il titolo della pagina che si trova nella sezione head della pagina html
  2. tag h1, h2, h3 all’interno della pagina
  3. tag alt per le immagini presenti nella pagina

Parole chiave, gli errori

Nella ottimizzazione del sito per determinate parole chiave è possibile incorrere in alcuni errori che possono rendere vano il lavoro fatto. Come evitare tali errori?

  1. mettere troppe parole chiave nel tag keyword: è inutile, anzi, se si esagera, può essere anche dannoso;
  2. ottimizzare il sito per le parole chiave sbagliate: se il sito è ottimizzato per parole chiave che non vengono cercate sui motori di ricerca o che portano comunque traffico, ma traffico che non è possibile monetizzare, a cosa è servito il lavoro per il posizionamento? tutto tempo e risorse sprecate!
  3. ripetere troppe volte le keyword: cercate di trovare un compromesso tra lunghezza del testo e la presenza al suo interno delle vostre parole chiave. Fare un testo con le sole parole chiave può farvi penalizzare il sito!
  4. non usate assolutamente testo nascosto di alcun tipo: la penalizzazione è praticamente sicura, sarete bannati dagli indici dei motori di ricerca e google chiuderà il vostro account adsense;
  5. se il vostro sito ha molti elementi grafici e poco testo è inutile tutto il lavoro per ottimizzare la pagina: i motori di ricerca capiscono solo il testo: questo non vale ovviamente per pagine con molte foto, purchè ogni foto abbia il suo tag alt scritto bene, magari con le vostre parole chiave e possibilmente con una didascalia che descrive la foto;
  6. ad oggi è praticamente inutile cercare di ottimizzare le pagine in flash: se proprio dovete usarle, non perdete tempo con la loro ottimizzazione e create una pagina alternativa in html ottimizzata;
  7. trascurare il tag title o gli altri consigli base per le parole chiave ;
  8. utilizzare immagini per l’intestazione del sito: come sopra, se proprio dovete usarle inserite il testo alt con le parole chiave;
  9. trascurare le URL del sito: è meglio se le parole chiave compaiono nel nome del file o nell’indirizzo dinamico, o meglio nel nome del vostro dominio; non utilizzate URL dinamiche con decine di parametri tipo http://nomesito/pagina.php?m=1&c=5&a=3;

Da ultimo, ma non per questo meno importante, evitate l’errore di ottimizzate il sito solo per i motori di ricerca, ottimizzatelo soprattutto per gli esseri umani, scrivendo in modo chiaro, comprensibile e naturale; saranno infatti gli esseri umani a farvi guadagnare.

Altri consigli sul Fare Seo con le parole chiave:

– dopo aver inserito le parole chiave scelte all’interno dei tag menzionati sopra, assicuratevi che le parole chiave compaiano nel link alla vostra pagina; per blog su wordpress segliete l’opzione utilizza permalink;

– se invece le vostre pagine sono scritte in html e non generate dinamicamente assicuratevi che il nome del file in cui salvate la pagina contenga le parole chiave;

– se avete un nome di dominio con una o più delle parole chiave scelte è meglio, anche se non indispensabile;

– inserite le parole chiave all’interno del corpo della pagina dove possibile, assicurandovi allo stesso tempo di scrivere dei testi comprensibili e sensati;

– inserite le parole chiave nel tag meta description: spesso la description della pagina viene mostrata sotto il link alla vostra pagina nelle SERP; per inserire un tag meta description diverso per ogni pagina su blogger andate su http://belkane.blogspot.com/2009/10/meta-tag-description-su-blogspot.html ;

– secondo Matt Cutts google non considera le parole chiave inserite nel tag keyword, quindi è abbastanza inutile inserirle.

Sebbene esistano altre tecniche più avanzate per il posizionamento sui motori di ricerca delle vostre pagine,  le regole basilari da seguire sono queste appena esposte; anche qui vale il discorso fatto in un post precedente a prosito degli strumenti per webmaster : prima padroneggiare i fondamentali, poi puntare alle ulteriori ottimizzazioni cercando consigli sul web o sperimentando sui propri siti.

Ricerche correlate:

Seo tutorial
Seo Tecniche
Strumenti Posizionamento Seo
Seo base
Seo Google
Software posizionamento
Posizionamento Google

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.